Halloween, ecco le 6 destinazioni per trascorrere la notte più tenebrosa, tra antiche tradizioni, leggende e brividi di paura.

 Palermo e le ottomila mummie del cimitero del Convento dei Cappuccini:

Sede di uno dei cimiteri più impressionanti d’Italia, il cimitero del “Convento dei Cappuccini”, realizzato a partire della metà del XIX secolo, ospita al suo interno 8.000 corpi mummificati , salme appartenenti a nobili, borghesi e rappresentanti del clero, dal 1500 fino alla fine del XIX sec..

Un patrimonio culturale che in tanti secoli di storia ha attirato e affascinato curiosi da tutto il mondo, tra cui moltissimi intellettuali, poeti e scrittori come Alexandre Dumas, Mario Praz, Guy de Maupassant e Carlo Levi.

Ci si può concedere poi una passeggiata lungo la via più antica di Palermo, il Cassaro, tra barocco siciliano e granita rigorosamente accompagnata da una brioche in riva alla baia di Mondello o intraprendere un tour alla scoperta dei bellissimi palazzi di influenza araba. 

Edimburgo e la festa celtica di Samhuinn:

È la notte in cui non esiste confine tra realtà e fantasia, tra regno dei vivi e aldilà; centinaia di fiaccole accese illuminano le storiche stradine della città e percussioni con ritmo cadenzato raccolgono la folla per festeggiare il Samhuinn, una delle più antiche feste celtiche. Tutta la città si riunisce in due processioni che confluiscono verso Cattedrale di Edimburgo: un gruppo a simboleggiare il buio, vestito di scuro, e un altro a indicare la luce, vestito di azzurro e verde brillante, mentre a Carlton Hill viene acceso un gigantesco falò intorno al quale danzano migliaia di persone.

Per chi si ferma in città, può dedicare del tempo alla scoperta del Royal Mile, la strada più antica di Edimburgo fino a raggiungere la Holyrood House, una delle residenze reali ancora oggi in uso, o trascorrere una giornata immersa nel verde delle colline scozzesi alla scoperta del Loch Lomond, poco fuori città. 

Dublino, alle radici del culto di Halloween

L’Irlanda, Dublino in particolare, è considerata la città più infestata del mondo ed è la meta prediletta per sperimentare il vero spirito della festa.

Vicoli castelli e boschi si popolano di zucche e lanterne per tenere lontano presenze maligne come la banshee, uno spiritello dalle sembianze di giovane donna che può trasformarsi in una crudele strega. Dublino è il luogo ideale dove scoprire le origini di questa festa tra racconti fantastici e riti pagani e dove conoscere la vera storia di Jack O’Lantern, il fabbro irlandese che ingannò il diavolo a cui sono ispirate le zucche decorate.

Tanti i tour e le camminate a tema tra castelli abitati da fantasmi, come per esempio il Dublin Ghost Bus tour, un autobus molto speciale, alla scoperta di una Dublino ricca di leggende e miti da brivido. Tralasciando halloween, da non dimenticare la bellissima St. Patrick’s Cathedral, due passi nel bellissimo polmone verde della città, il St Stephen’s Green, o visitare il Trinity College che custodisce una delle più belle biblioteche d’Europa.

Salem, la città streghe:

La famosa Salem, sulle coste del Massachusetts a soli 25 km da Boston, ricordata per la caccia alle streghe che nel 1962 vide salire sul rogo centinaia di donne.

Eventi e manifestazioni per tutto il mese di Ottobre che terminano la notte di del 31, al calar del sole, con una grande parata che parte da Shetland Park e arriva al parco cittadino, Salem Common. Mercatini a tema, street food, lettura delle carte, balli in maschera e travestimenti a tema stregonesco intrattengono i turisti mentre la Morte, giunta nel mondo dei vivi, vaga tra la folla. Il culmine dei festeggiamenti si ha con il gran ballo delle streghe, il Salem Witches Halloween Ball, durante il quale, a ritmo di tamburi, si svolge un antico rituale per rievocare le usanze delle streghe che usavano questa festività per venerare la morte, celebrare i misteri divini e onorare la magia. Da non perdere, il Salem Witch Museum.

A pochi minuti di macchina si può poi raggiungere Boston, sede di Harvard, dove potete fare il tifo per una delle più apprezzate squadre dell’ NBA, i Boston Celtics, scoprire i 16 monumenti della storia americana disseminati lungo la Freedom Trail e mangiare qualcosa al Sala Faneuil, il caratteristico mercato della città a due passi dal lungomare. 

New Orleans, la magia del bayou e dei rituali vodoo :

Ingredienti perfetti per un’atmosfera da brivido per la notte di Ognissanti li trovate New Orleans.

La città, in prossimità del delta del Mississippi, ha bellissime paludi infestate da coccodrilli in cui vengono organizzati gli swamps, le navigazioni a bordo dei tipici air boat, mentre la città si anima con parate e travestimenti spettacolari, secondi per maestosità solo ai festeggiamenti del Mardi Gras.

Tra le case più antiche del centro città e tra i palazzi del French Quarter, il cuore storico di New Orleans, vengono organizzati tour alla scoperta di luoghi infestati da spiriti mentre scheletri, streghe e spiriti si aggirano per la città.

La cultura vodoo è uno degli aspetti culturali più caratteristici della città. Da non perdere quindi la visita al St. Louis Cemetery per rendere omaggio alla tomba di Marie Laveau, Voodoo Queen del XIX secolo, resa famosa per i riti praticati in pubblico, al New Orleans Voodoo Historic Museum e ai numerosi negozi in città.

New Orleans inoltre è il luogo ideale per scoprire le origini del Jazz a cui questa città dà i natali,; bellissimo perdersi nel Garden District tra alberi di magnolia e palazzi storici, visitare l’Arts District con le sue gallerie d’arte e ristoranti alla moda o prendersi una pausa al City Park, un polmone verde di 1300 ettari nel cuore della città dove si trova un bayou naturale. 

Città del Messico e El Dias de los Muertos:

El Dia de los Muertos, la coloratissima festa che celebra la morte, cade la festività dei morti di origine azteche che ogni anno cambia il volto di Città del Messico.

Così antica e spettacolare che nel 2003 è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità dall’Unesco. Gli altari si riempiono di offerte e cibo mentre le strade si riempiono di bambini e adulti travestiti da calacas, gli scheletri variopinti danzanti delle parate che invadono la città mentre le tombe vengono dipinte a tinte sgargianti e nei cimiteri si tengono concerti. Impazza una vera e propria festa continua tra prelibatezze, bevande e musica. Proprio quando i morti tornano sulla terra per venire a trovare i loro cari, vengono accolti in festa con un vivacissimo benvenuto.

Si può inoltre visitare la Plaza della Costitución, detta Zócalo, da cui partono le strade principali della capitale messicana e su cui si affaccia la Catedral Metropolitana costruita sulle antiche vestigia di un tempio azteco, il Teplo Mayor. In Plaza Garibaldi, ritrovo dei mariachi, caratteristici musicisti che si possono affittare per una festa in pieno stile messicano. Da vedere anche il quartiere elegante di Colonia Roma e una visita a Casa Azul, la famosa casa-museo di Frida Khalo

LASCIA UN COMMENTO